Miti fantasiosi queste Storie proprio così: teneri, intensi e divertenti

Storie proprio così, Just so Story (com’è il titolo originale della prima edizione del 1902), storie che riescono a celare dietro alla propria semplicità la complessità del sofismo ad hoc, la capacità eccellente di dare a un fatto (la gobba del cammello, per esempio) una spiegazione che segue linee logiche in un contesto che di logico non ha nulla, piuttosto si nutre di fantasia. Le pourquoi stories sono le più antiche, le più familiari, le storie più intriganti che prevedono decine di varianti perché sono anche le più adatte a essere raccontate ad alta voce, esattamente come ha fatto (e traccia esplicita ne è l’intercalare Angelo mio, con il quale lo scrittore si rivolgeva alla figlioletta) Rudyard Kipling che le raccontava al momento di andare a letto alla figlia Effie.

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli - Donzelli

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli – Donzelli

Nella bella introduzione della curatrice e traduttrice è riportata una citazione da Kipling stesso che così scriveva a proposito delle prime tre storie che compongono questa raccolta e della quale mi sembra illuminante riproporre l’incipit “ci sono storie pensate per essere lette in silenzio e altre pensate per essere lette ad alta voce. Ci sono storie buone solo per le mattinate di pioggia, altre che vanno bene per i lunghi pomeriggi caldi da trascorrere sdraiati all’aria aperta, e altre ancora adatte a quando viene l’ora di andare a letto… Le prime si potevano cambiare a piacimento; ma la sera era il momento delle storie pensate per mettere Effie a letto, e quelle era assolutamente vietato toccarle, fosse anche una sola parola”. Storie dunque malleabili in numerose varianti al momento dell’ideazione ma che, per esigenze dettate dall’uditorio, una volta create non potevano essere modificate in alcun modo (tanto più se ciò comportava il destarsi dall’assopimento della bambina per la necessità urgente di correggere il narratore e farlo rientrare nei ranghi della storia).

Questa è un’esigenza antica, comune a tutti i bardi e cantori, i quali una volta generata la propria storia/variante la costruivano con moti, ritmo, rime, musicalità tale da favorirne il ricordo, da farle divenire familiari, da renderle note e originali.

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli - Donzelli

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli – Donzelli

E Kipling, novello cantastorie, non è da meno considerate le rime, le assonanze; considerato il ricorrere a parole inventate o a nomi di luoghi di fantasia in modo da investire una storia di magia o di richiamare in essa tratti ancestrali e misteriosi. Suggerisce la bellezza del ripetere ad alta voce, a volte esplicitamente (“Se provi a dirlo in fretta e a voce alta, vedrai quant’era ombrosa quella foresta!” p. 82) altre ricorrendo a escamotage capaci di indurre al canticchiare.

Leggo alcuni gruppi di parole unite da trattini che divengono nomi (“esserino-scostumato-che andrebbe-sculacciato”; “mondo tutto-bello-nuovo”…) per poi divenire, richiamando alla memoria uno strampalato enjambemant, cantilene e punti di raccordo per la musicalità della storia proprio così.

Queste storie sono state scritte per bambini di 5-6 anni e sono assolutamente adatte loro così come Il libro della giungla lo è per bambini più grandi; Perché la pelle del rinoceronte è grinzosa? Come mai una farfalla chiede una pedata? Come fu scritta la prima lettera?

Quesiti interessanti e curiosi, buffi, dalla spiegazione altrettanto buffa o magica o grottesca; caratterizzati dalle strabilianti invenzioni capaci di far chiudere gli occhi e immaginare di essere parte stessa di quei mondi fantastici, di quelle terre assolate, di assistere divertiti alla loro risoluzione; quesiti dalla spiegazione sempre e comunque profonda e sapientemente letteraria, cosa che rende piacevole e divertente la lettura anche agli adulti.

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli - Donzelli

Storie proprio così, di Rudyard Kipling, May Angeli – Donzelli

All’epoca Kipling stesso realizzò delle incisioni su legno in bianco e nero per illustrare le sue storie, oggi Donzelli le correda con 150 incisioni a colori di May Angeli; incisioni grazie alle quali questo libro da raccontare e da ascoltare diviene anche da guardare per avere riscontro dell’intensità del blu di certi mari in cui una balena si ritrova a poter mangiare, giocoforza, solo pesci piccolissimi, o della morbidezza della savana dopo le piogge, o della ferina ottusità di un grigio e imponente rinoceronte che cerca di togliersi di dosso le briciole. Ottima anche la traduzione della Lazzaro grazie alla quale nulla dell’intento originale e della musicalità si perde.

[leggi l’originale in inglese di Storie proprio così con le incisioni di Kipling]

41hmawvowvl-_bo1204203200_Titolo: Storie proprio così
Autore: Rudyard Kipling, May Angeli
Editore: Donzelli
Dati: 2010, 333 pp., 24,00 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...