Tico e la semplicità di ali d’oro

Tico e le ali d'oro - Leo Lionni

Tico e le ali d’oro – Leo Lionni

Tutti i libri di Leo Lionni sono belli (nel senso alto che questa parola ha nonostante l’abuso della banalità che subisce); tutti i suoi libri sono belli di una bellezza unica e inimitabile; del resto non capita mai una bellezza che sia uguale a un’altra. La bellezza di “Tico e le ali d’oro” sta nell’intensità, nella ricchezza, nello splendore delle sue illustrazioni. Tavole dense da cui trasudano ore di lavoro e talento, ore di immaginazione, ore di colori e luci e ombre, ore di raffinatezza: ore di puro amore, il quale si percepisce intenso solo quando è realmente sincero: amore per un qualcosa che ravviso in ciascun lavoro di questo raffinato e colto autore, vale a dire il desiderio unico e alto di comunicare con tutti i linguaggi a nostra disposizione. Se doveste imbattervi in un libro di Leo Lionni (ma ideale sarebbe andare alla sua ricerca) non fatevelo sfuggire, giacché regalerete ai vostri bambini storie indimenticabili.

Tico e le ali d’oro – Leo Lionni

Tico e le ali d’oro – Leo Lionni

Ma torniamo a Tico e alle sue ali d’oro. Nessun bambino resterà indifferente alla sua storia, anzi, ciascun bambino non faticherà a immedesimarsi nelle speranze e nei sogni di Tico, uccellino nato senza le ali e per questo incapace di volare.

“Sognavo delle ali d’oro, tanto robuste da portarmi sopra le vette innevate delle montagne più lontane”; Tico ha degli amici che si prendono cura di lui, che gli portano le bacche dolci, che gli fanno compagnia. Si sente però malinconico, diverso. Allora sogna e sogna; fino a quando il suo sogno un bel giorno si avvera. Tico riceve in dono da un uccello magico un paio di ali d’oro. Con esse può librarsi in volo. Col passare del tempo, però, Tico si rende conto che delle ali sono delle ali, servono a volare, non occorre che siano d’oro; comincia quindi col donare a chi ne abbia bisogno le sue piume d’oro; al loro posto spuntano piume nere, semplici piume. Grazie alle piume d’oro Tico ha l’occasione di scoprire e mostrare la propria generosità, al contempo però i suoi amici gli rimproverano di essere diverso, di aver voluto essere diverso da loro.

Con le sue belle ali nere, però Tico può tornare in volo ai suoi amici a condurre la vita semplice che aveva sempre desiderato.

Tico e le ali d’oro – Leo Lionni

Semplici le ali nere, semplici gli avvenimenti in contrapposizione alla straodinarietà e alla ricchezza delle ali, della magia degli eventi. Il linguaggio però, così come il lessico, usato da Lionni è comune sia al nero che all’oro: è diretto, immediato, misurato, comunicativo senza orpelli. Ideale, e in questo si rivela molto brava Cristina Brambilla nel rispettare questa perfetta semplicità traducendo dall’inglese all’italiano questo delicato capolavoro.

Titolo: Tico e le ali d’oro
Autore: Leo Lionni
Traduttore: Cristina Brambilla
Editore: Babalibri
Dati: 2012, 36 pp., 12,00 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

2 risposte a “Tico e la semplicità di ali d’oro

  1. Pingback: Un giardino incartato « AtlantideKids·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...