“A” di Animato – l’ABC del libro

Alphabet Rabier, Benjamin Librairie Garnier Frères, 1900

Il libro animato nasce nel 1500 (il primo a presentare una complessa struttura a dischi in alcune illustrazioni è il Cosmographicus liber, di Petrus Apianus, 1524) per supplire a un’esigenza tridimensionale che era d’uopo nei libri di astronomia e medicina. Nella seconda metà del Settecento questa tecnica sarà largamente applicata anche ai libri destinati all’infanzia, spostando la lente su una sempre più attenta ricerca della meraviglia, dell’intrattenimento ludico.

Cosmographicus liber Petri Apiani mathematici studiose collectus
Cosmographicus liber Petri Apiani mathematici studiose collectus

L’animazione del libro è possibile mediante l’applicazione di tecniche di scomposizione tipografica; per mezzo di meccanismi cartotecnici il lettore ha la possibilità di interagire con il libro che assume, appunto, forma tridimensionale e quindi maneggiabile, osservabile, da diverse prospettive, interattiva.

Risale al 1765 la prima Harlequinade di Robert Sayer, tipografo londinese: si trattava di un foglio che si svolgeva orizzontalmente, ripiegato in quattro parti dalla cui linea centrale si alzavano verso l’alto e verso il basso delle alette che scoprivano un ulteriore disegno sottostante.

harlequinade
Harlequinade, Robert Sayer ca. 1765

Il secolo del libro animato e dei libri per bambini in generale è stato il Diciannovesimo. La produzione era floridissima e incontrava il gusto dei lettori, esattamente come avviene oggi. I libri animati (nei dettagli e nelle varie tecniche avremo modo di andare nei prossimi appuntamenti) godono di una salute e un mercato floridissimo, guai a non averne sugli scaffali, sebbene ci sia una profonda linea di demarcazione che porta i libri animati per la primissima infanzia a trionfare in fatto di gradimento e vendite e i libri animati per bambini più grandi o per adolescenti relegati al contesto poco accessibile delle “opere d’arte”. Sostanzialmente libri che affascinano ma che incutono qualche reverenziale timore, per la loro raffinatissima qualità e per il consequenziale impatto sul prezzo di copertina.

Gli autori contemporanei più celebri, la cui produzione è disponibile anche in Italia, sono Robert Sabuda, Ron Van der Meer, Chuck Murphy, David Carter, che lavorano soprattutto con i pop-up.


L’ABC del libro è un’iniziativa per celebrare il #MaggioDeiLibri. Lettera per lettera, piccoli commenti a margine del libro: com’è fatto e quanto di interessante vi sia intorno ad esso.

Il presepio

Il Presepio di Emanuele Luzzati - 2017 Gallucci

Un libro pop up di Cristina Làstrego e Francesco Testa, ispirato ai bozzetti realizzati da Emanuele Luzzati quando nel 1997 su richiesta della città di Torino realizzò il presepe che da allora lo espone tutti gli anni per le feste natalizie.

Il Presepio di Emanuele Luzzati - 2017 Gallucci
Il Presepio di Emanuele Luzzati – 2017 Gallucci

Ricchissimo e robusto svela attraverso il sorgere della stella cometa il Bambino, mentre dispiegando un’aletta laterale arrivano i Re Magi.

Il progetto cartotecnico è di Massimo Missiroli.

Il Presepio di Emanuele Luzzati - 2017 Gallucci
Il Presepio di Emanuele Luzzati – 2017 Gallucci


5_il-presepio-gallucci.jpgTitolo: Il presepio
Autore: Emanuele Luzzati, Làstrego, Testa
Editore: Gallucci
Dati: 2017, 23,40 € (con finestre e pop up)

 

Jingle Bells

 Jingle Bells, Niroot Puttapipat, James Lord Pierpont - Emme Edizioni 2014
Jingle Bells, Niroot Puttapipat, James Lord Pierpont – Emme Edizioni 2014

Non c’è canzone natalizia che, anche i più restii ad assorbirne l’atmosfera, non si ritrovino a canticchiare in questi giorni. Se si hanno dei bambini in casa, poi, se ne ascoltano stravaganti varianti in simil esperanto, o anche nella lingua di Pingu, il che rende la dolcezza di tutto quel tintinnare ancora più intensa.

Eppure inizialmente questa canzone di James Lord Pierpont si chiamava “One Horse Open Sleigh” ed era stata scritta nell’autunno del 1857 in occasione della festa del Ringraziamento. Solo nel 1859, Lord Pierpont la rieditò con un nuovo nome,  “Jingle Bells” appunto, facendola entrare da quel momento in poi nella storia del Natale.

One Horse Open Sleigh - James Lord Pierpont
One Horse Open Sleigh – James Lord Pierpont

Sfogliare l’albo edito da Emme Edizioni che ne propone il coro (in italiano e inglese) è pertanto atto dovuto a questa allegra “canzone di Natale”. Anche perché l’albo è di un’eleganza disarmante e una complessità di realizzazione straordinaria.

Intagli e pop up che sembrano ricami, sottilissimi, delicati, si profondono in giochi di luce, trasparenza e ombra eccezionali. Sagome in nero à la Rackam si evidenziano in contrasto con le fustellature e con la luce che filtra negli ricami di carta, per concludersi in una doppia pagina con un elegante e complesso pop-up finale.

 Jingle Bells, Niroot Puttapipat, James Lord Pierpont - Emme Edizioni 2014
Jingle Bells, Niroot Puttapipat, James Lord Pierpont – Emme Edizioni 2014

61v+tzmy+aL._SX258_BO1,204,203,200_Titolo: Jingle Bells
Autore: Niroot Puttapipat
Editore: Emme edizioni
Dati: 2014, 18 pp., 19,50 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

 

Strenne natalizie

Dei libri da non regalare a Natale ho già parlato, mi pare giusto dedicare un po’ di spazio anche a quelli da regalare: ne trovate moltissimi sotto l’etichetta “Non può mancare nella mia libreria“, ma oggi vorrei soffermarmi sulle strenne, quelle belle edizioni grandi, grandissime o piccole, piccolissime; quelle edizioni che non ci si stanca mai di sfogliare, piene di sorprese, arricchite da alette, pagine nascoste, pieghe, inserti, pop-up, intagli.

Io li chiamo “i libri della condivisione”, quelli che “mamma, vieni a vedere quant’è grande l’occhio del calamaro gigante!” oppure che “nonna, lo cuciamo assieme questo vestito?”, o anche “papà, scommettiamo che tu non lo trovi, Wally?”.

Tra le strenne di Editoriale scienza c’è un albo di grande formato, cartonato, col quale i vostri bambini di 4 ai 100 anni potranno trascorrere ore piacevolissime alla scoperta di tutti i record del mondo animale: curiosità scientifiche con l’aggiunta di fotografie ed esempi impressionanti che, grazie all’ausilio di resistenti piegature e pop-up, si possono toccare con mano (personalmente sono rimasta impressionata dall’imponente canino inferiore dell’ippopotamo, il quale può superare i 50 cm di lunghezza). A parte tutte le curiosità che meravigliano e impressionano (l’occhio enorme del calamaro gigante o la scimmietta che è più piccola di una mano) ci sono delle chicche piacevolissime: in una tasca sono custoditi diversi esemplari di denti, sempre a dimensione reale; in un’altra dormono placide le schede accoccolate e tonde su tutti gli animali che vanno in letargo; sotto una serie di alette si scopre come veda una lumaca (ahiloro in grigio!) o un camaleonte e lo si confronta con lo spettro visivo umano, sempre sorprendendosi. Poi le ridanciane pagine sulle cacche (che danno luogo a un gioco, il gioco della cacca d’oca), e quelle più classiche con tutte le curiosità sugli animali più veloci, le armi segrete, i pesi massimi, le taglie mini… Animali da record è senza dubbio una strenna perfetta.animali da record

Per bambine e bambini con vena artistica e gusto per la moda propongo invece Il mio taccuino dello stile di Jacky Bahbout. Un elegante albo di grande formato e in stile taccuino, appunto, con tanto di pagine finali in cui raccogliere le idee e le creazioni dei piccoli artisti/stilisti. Decine di spunti per tagliuzzare e ideare originali albi alla moda di se stessi, rifacendosi ad esempi storici, famosi stilisti, abiti antichi. Attività che impegneranno piacevolmente, con l’ausilio di carta e forbici, i pomeriggi di festa e i sonnacchiosi dopo pranzo.taccuino stile

81DXx19BtnL._SL1500_Titolo: Animali da record. Un libro animato con alette e pop-up
Autore: Pascale Hédelin, Laurence Bar
Editore: Editoriale scienza
Dati: 2013, 32 pp., 22,90 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

 

img1375-gTitolo: Il mio taccuino dello stile
Autore: Jacky Bahbout, Cynthia Merhej
Editore: Gallucci
Dati: 2013, 48 pp., 16,50 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

Il primo Natale – carosello

Il primo Natale - Jan Pienkowski
Il primo Natale – Jan Pienkowski

Un raffinato libro – carosello che un po’ pop up, un po’ a intaglio, dà vita a una stella natalizia che racconta la storia del primo Natale in chiave classica, dall’annunciazione fino alla visita dei Re Magi. Il bianco delle scene ricorda il candore della neve e già di per sé con i suoi intagli e le sue trasparenze crea l’atmosfera natalizia; lo sfondo rosso mette in risalto ogni scena donando a ciascuna una profondità e una sorta di movimento che ha il sapore del presepe. Il nastro rosso permette di fissare la stella in modo che non si richiuda e i bimbi possano leggerla e guardarla ogni volta che lo desiderano.

Se lo stile di Jan Pienkowski vi incuriosisce e conoscete l’inglese, sul suo sito trovate alcuni da visualizzare gratuitamente nella loro completezza, tra cui un bellissimo alfabeto illustrato.

copertina il primo nataleTitolo: Il primo Natale
Autore: Jan Pienkowski
Editore: Edizioni El, Emme edizioni
Dati: 2012,  15,90 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

 

Magia dell’inverno

Magia dell’inverno è uno straordinario libro pop up. Di piccolo formato, con copertina cartonata da cui fa capolino e saluta un allegro pupazzo di neve, è un libro poetico in cui ogni pagina regala un omaggio delizioso alla neve. Essa diventa ballerina su uno specchio d’acqua ghiacciato, “riveste gli alberi di soffice cotone” e “illumina la profondità dei boschi” in un gioco di movimenti e ritagli che ha dalla sua maestria e arte.

Se la magia d’inverno vi contagia fate un salto qui e cimentatevi!

magia inverno copertinaTitolo: Magia dell’inverno
Autore: Robert Sabuda
Editore: Gallucci
Dati: 2012, 18 pp., 16,50 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

 

Le favole di La Fontaine messe in scena

Quando un prodotto editoriale manca di quarta di copertina è il primo segno della sua pregevolezza. Cosa si potrebbe dire delle favole di La Fontaine in una traduzione che ne rispetta tempo e originalità? Cosa si potrebbe segnalare di rimarchevole di una parte così fondamentale della letteratura?

Apprezzo dunque moltissimo la scelta di lasciare al lettore la prima, più naturale, spontanea e vera mossa: aprire il libro e sfogliarlo.9782020983389_21

Ed è al momento dell’apertura che subentra la meraviglia. Giacché ciò che ci si ritrova a sfogliare non è un semplice albo illustrato, così come non è un semplice pop-up. Dinanzi alla complessità della tecnica di realizzazione e impianto è stupefacente la semplicità con la quale si riesce, ancora una volta con naturalezza, a definirlo: un teatro. Le favole di La Fontaine sono, infatti, letteralmente, messe in scena da Thierry Dedieu.

Del teatro conservano il movimento e mostrano profondità e dettagli. Persino la favola de La canna e la quercia di difficilissima resa possiede una propria, intensa, personalità grafica. A prima vista sembrano incisioni, sembra di trovarsi di fronte a due riletture, quella di La Fontaine e quella delle incisioni di Dorè. In realtà i tratti delicati e netti di colore non nascono dal nero, non si celano al di sotto del buio, semmai lo ricoprono e vivificano con un effetto elegante e semplice al contempo.39088_capture1

I due volumi finora editi da Ippocampo (Ippocampo Junior) propongono una selezione di favole che alterna le celebri (Il Corvo e la VolpeLa Cicala e la FormicaIl Topo di città e il Topo di campagna) alle meno note (L’AironeLa Canna e la Quercia). Un altro tassello prezioso nella storia delle riscritture e riletture nata con Esopo e giunta ai nostri giorni passando proprio da La Fontaine che, nel limite del suo tempo (XVII secolo), al carattere aneddotico delle favole d’Esopo aggiunge un tocco d’ironia. E ne cambia le vesti giacché dalla prosa passa alla rima. Le radici profonde di queste favole intramontabili sono da Thierry Dedieu messe in prospettiva in piccoli quadri fatti a teatrino nella carta ritagliata. Due volumi deliziosi e, per la cura editoriale con cui sono realizzati, dal prezzo contenuto.

favolelepre11Titolo: Le favole di La Fontaine messe in scena da Thierry Dedieu. La Lepre e la testuggine e altre favole
Autori: Thierry Dedieu
Editore: Ippocampo Junior
Dati: 2010, 20 pp., 18,00 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

favolecorvo11Titolo: Le favole di La Fontaine messe in scena da Thierry Dedieu. Il corvo e la volpe e altre favole
Autori: Thierry Dedieu
Editore: Ippocampo Junior
Dati: 2010, 20 pp., 18,00 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it

Ecco dei frutti, dei fiori, foglie e rami

Primavera, estate, autunno, inverno, Pittau&Gervais – Topipittori
Primavera, estate, autunno, inverno, Pittau&Gervais – Topipittori
Primavera, estate, autunno, inverno, Pittau&Gervais – Topipittori

Immagino un dolce tintinnio di triangolo, lo immagino lieve sotto il tocco, all’uso medioevale, di un angelo. Tin, vibra e si scuote; tin, risuona nell’aria; e ogni tin diffonde un suono. Diffonde un odore, un colore. Un tintinnio ogni aletta che si alza, un tintinnio dolce ogni volta che un animale fa la sua comparsa, ogni volta che un frutto svela il proprio morbido cuore.

Un fiore rosa sbocciato e fresco ci invita a voltar pagina e scoprire la Primavera: un uovo dal quale a spostare l’aletta nasce un pulcino; un fiore di ciliegio bianco che a sollevare l’aletta diviene frutto rosso; un tarassaco giallo e arancione che grazie alla brezza del nostro voltar l’aletta diffonde attorno a noi i suoi pappi trasparenti e morbidi.

Il fiore rosa da poco sbocciato diviene frutto: arriva l’Estate e la coccinella che dispiega le ali svela il cuore succoso della pesca con il suo ruvido nocciolo e, mentre un pomodoro si rivela fedele alla sua buccia vermiglia, il fico viola scuro disvela la propria polpa rosata.

Le foglie s’ingialliscono, le tracce delle scorpacciate estive dei bruchi rimangono a testimoniare la stagione appena trascorsa e invitano a scoprire l’Autunno coi suoi marroni morbidi, gli arancioni e i gialli pieni. Le lepri drizzano le orecchie e ci guardano fisso: cos’è stato quel fruscio? Si chiede mamma lepre. Niente paura, siamo solo noi che voltiamo un’aletta perché intuiamo che dietro alla foglia verde si nasconda il colore che prediligiamo: il rosso bruno.

Primavera, estate, autunno, inverno, Pittau&Gervais - Topipittori
Primavera, estate, autunno, inverno, Pittau&Gervais – Topipittori

Il ramo è ormai spoglio, la corteccia si è irruvidita ed è pronta a indicarci la via dell’inverno. Un pettirosso freme nell’attesa che la pigna liberi i suoi pinoli mentre l’ermellino s’allunga sinuoso a mostrarci, fiero, il suo mantello bianco.

È un gioiello prezioso questo Primavera, estate, autunno e inverno della coppia Pittau & Gervais. Un gioiello prezioso adatto anche ai bambini piccolissimi vista l’edizione studiata e pratica (con spirale) di Topipittori; io lo proporrei senza dubbio anche ai bimbi di 2 anni i quali manifestano un’atavica curiosità per le forme e i colori di cui questo albo abbonda. I bimbi più grandicelli, 3 anni, solleveranno le alette stupiti e rapiti e vorranno condividere le scoperte magnifiche che si celano dietro alla semplicità. I bimbi in età scolare avranno un approccio più scientifico avallato dalla cura e dalla precisione che fanno delle illustrazioni un ritratto fedele di quanto offra la natura.

L’idea esplicitata sin dal titolo è quella del rappresentare il ciclo delle stagioni sebbene pagina dopo pagina, aletta dopo aletta, tintinnio di stupore e curiosità dopo tintinnio si avrà un’idea ben precisa di come la natura si trasformi e modifichi. Le illustrazioni sono sobrie e intelligenti, l’edizione splendida: il grande formato invita a sfogliare le belle pagine patinate a sfondo bianco, i flap robusti ben s’adattano all’apri e chiudi dei bimbi così come resistono all’uso anche le mezze pagine che si prestano alla funzione doppia cui sono destinate. Un pop up sui generis, mai chiassoso, piuttosto elegante.

[Le parole che danno titolo a questa recensione sono un verso di Paul Verlaine, Green, che compare anche in apertura del libro]

stagioni-copTitolo: Primavera, estate, autunno, inverno
Autore: Pittau & Gervais
Editore: Topipittori
Dati: 2011, 120 pp., 25,00 €

Lo trovi tra gli scaffali virtuali di Amazon.it