The Night Before Christmas

Di questo albo urge leggere la premessa. Dopo i risguardi riccamente decorati a grosse palle scure spruzzate di neve con un ciuffo di bacche rosse di agrifoglio posto in cima, una accanto all’altra in file regolari, come a disegnare un festone natalizio, lontane dal somigliare alle colorate e sfavillanti decorazioni alle quali le bambine e i bambini d’oggi sono abituati, ma piuttosto somiglianti a pigne del bosco, è all’esimio Professor Clement Clarke Moore che apprendiamo di dovere tutti il caro, vecchio e allegro Babbo Natale con slitta e renne. Era il 1822 quando il rispettabile professore di religione, la vigilia di Natale, seduto al suo tavolo scrisse un poemetto da regalare ai suoi figli, affinché restasse nella tradizione del Natale della sua famiglia, mentre del tutto inconsapevolmente ne cambiava l’aspetto per le generazioni di bambine e bambini a venire.

The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly - 1977, Ernest Benn Limited
The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly – 1977, Ernest Benn Limited

Il breve poema, che gioca con l’assonanza dei suoni più che su una vera e propria rima, racconta di quella sera particolare dove tutto nell’attesa rallenta, la casa si veste del riflesso della neve caduta copiosa in giardino dando agli oggetti la lucentezza del mezzogiorno. Le calze attendono morbide, poste accanto al camino, la mamma con la sua cuffietta e papà col suo berretto sono pronti per un piccolo letargo notturno mentre i bambini già dormono nei loro lettini. Sogni di zucchero, dolci e profumati fanno capolino nelle loro testoline quando a un tratto un rumore, proprio in giardino. È così che il papà in berretto, camicia da notte e una pesante vestaglia da camera aprendo la finestra e il suo scuro, vede qualcosa che gli sembra in un primo momento ronzare solo nella sua testa intorpidita dal sonno e dal tepore della casa. Invece è proprio St. Nicholas quello che si palesa dal camino, e che con una strizzatina d’occhio e l’indice su naso e bocca, intimando un silenzio carico di complicità, inizia lesto il suo lavoro per balzare poi nuovamente sulla sua slitta, impolverato da cenere e fuliggine, richiamando per nome, una per una, le sue renne e volando via verso altri luoghi, un’altra casa e altra infanzia. Non prima di aver augurato Buon Natale a tutti e a tutti buona notte!

The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly - 1977, Ernest Benn Limited
The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly – 1977, Ernest Benn Limited

Quello che affascina è la descrizione che renderà del tutto nuovo e famigliare San Nicholas.
Un viso ampio con occhi che brillano, guance come rose e un naso rosso e tondo come una ciliegia. Accanto alla bocca piegata a arco due fossette lo rendono subito allegro e simpatico, come un vecchio parente, un tempo stato una piccola canaglia di cui mantiene lo spirito giocoso. Vestito con una pelliccia scura dalla testa ai piedi, la sua barba bianca spicca come neve, una piccola pipa tra i denti il cui fumo circonda la sua testa come una soffice ghirlanda. E poi la pancia rotonda che tremava quando rideva come una ciotola piena di gelatina.
È piccolo, paffuto e grassoccio come un vecchio elfo allegro, guida veloce una slitta trainata da sette piccole renne, colma di giocattoli di cui riempie sacchi che poi si carica sulle spalle alla maniera dei venditori ambulanti.

The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly - 1977, Ernest Benn Limited
The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly – 1977, Ernest Benn Limited

Centocinquant’anni dopo, Elisa Trimby, nell’illustrare il poema, ricrea la stessa atmosfera disegnando un Babbo Natale piccino, quasi una figurina che si muove in una casa dove tutto è grande e ricco di particolari. Ha uno zuccotto in testa molto simile alle decorazioni dei risguardi, ornato da due foglie di vischio. Un’allegra sciarpa rossa a pois che sembra ci stia ancora nevicando sopra, le frange delicatamente raccolte e fermate da una perlina bianca, se ci si pone in ascolto non è difficile sentirle tintinnare. Indossa una tuta di pelliccia scura, i polsi riccamente decorati a motivi verdi a foglia di vischio, nella parte alta una doppia fila di alamari in legno la allacciano di lato mentre una fila di bottoncini verdi, proprio là, gli permettono di fare pipì con facilità – ché St. Nick va di corsa e certo non si può spogliare tutte le volte – rendendolo così umano e famigliare da scordarsi quasi che prima ancora di essere Babbo Natale è un santo. Lo sguardo furbetto, le rughe sulla fronte accanto agli occhi decorati da folte ciglia bianche fanno il resto. Pesanti guanti a moffola, come quelli dei bambini, morbidi e gonfi e disegnati di vischio lo rendono proprio uno di casa che rientra dopo una battaglia a palle di neve o un pupazzo.

The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly - 1977, Ernest Benn Limited
The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly – 1977, Ernest Benn Limited

L’albo è, dal punto di vista visivo molto vario. Alterna pagine con illustrazioni centrali e altre poste come una cornice attorno, piccoli spaccati di una stessa narrazione; in alcuni casi l’illustratrice racchiude la scena in piccoli tondi, altre la lascia a tutta pagina, altre ancora disegna i momenti dell’attesa all’interno di sagome come piccole decorazioni per l’albero. A un interno dettagliato posto magari in un cerchio per focalizzare l’attenzione proprio lì, in quella camera, corrisponde un esterno che fa da sfondo o contorno in un’alternanza di dentro e fuori, caldo freddo, cristallizzato e immobile e fervente di attività, estremamente curato e dettagliato, caldo e famigliare funzionale a un’attesa di un qualcosa o di qualcuno che sicuramente arriverà da molto lontano. Come Babbo Natale o Santa Klaus acquisì una certa altezza, un vocione, renne e slitta proporzionati e un abito rosso fa parte di un’altra storia e forse qualcuno un giorno la racconterà.

The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly - 1977, Ernest Benn Limited
The Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore, Elisa Trimbly – 1977, Ernest Benn Limited

Il libro è parte del patrimonio di circa 900 albi illustrati internazionali del Fondo Sergio Silva Libri Illustrati, una collezione ricchissima di grande valore storico e artistico che rappresenta la migliore produzione internazionale del libro per l’infanzia. Albi che hanno partecipato nel decennio 1973-1983 al Graphic Prize della Mostra Internazionale dell’Illustrazione della Bologna Children’s Book Fair dove Silva fu giurato, gentilmente donato dalla famiglia alla biblioteca scolastica La Baia del Re dell’Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto di Parma dove si trova attualmente.

unnamedAutore: Clement Clarke Moore
Illustratore: Elisa Trimbly
Editore: Ernest Benn Limited, London UK
Dati: 32 pp, lingua originale inglese, 1977

Come San Nicola è diventato Babbo Natale

Eccolo San Nicola, in un poemetto del 1823 di Clement Clarke Moore “Twas the Night before Christmas“, alla guida di una slitta carica di doni, scendere giù per il camino.

As dry leaves that before the wild hurricane fly,
When they meet with an obstacle, mount to the sky,
So up to the house-top the coursers they flew,
With the sleigh full of toys, and St. Nicholas too.
And then, in a twinkling, I heard on the roof
The prancing and pawing of each little hoof.
As I drew in my hand, and was turning around,
Down the chimney St. Nicholas came with a bound.

I suoi vestiti sono ancora molto diversi da quelli cui siamo soliti rappresentarlo, ma è proprio a lui che dobbiamo Babbo Natale così come lo immaginiamo.

san nicola babbo natale

La storia di questo Santo che protegge molte città ma soprattutto Bari, che lo festeggia in primavera, è controversa e sfaccettata. Di certo c’è che San Nicola è personaggio austero, severo e al contempo munifico: si aggira di notte per lasciare i confetti ai bambini che si sono comportati bene, rallegrando le giornate fredde e buie di dicembre, per esempio. Sempre aiutato da uno strano accompagnatore (da cui gli elfi aiutanti di Babbo Natale), il Krampus, un demonio sconfitto dal Santo e perciò costretto a servirlo.

Krampus-Postkarte_um_1900
Antica cartolina raffigurante un Krampus

Il Krampus è costretto a seguire i dettami di San Nicola ma conserva tutto il suo carico di malvagità incutendo timore ai bambini che non si comportano bene e minacciandoli di punizioni severe. Spesso aiuta San Nicola a portare i doni, specialmente le mele, uno dei simboli più noti del Santo, che ne donò a tre bambini affamati i quali le videro trasformarsi in pomi d’oro durante la notte, sfuggendo grazie a Nicola alle grinfie della povertà.

Addobbiamo forse inconsapevolmente l’albero di Natale coi due oggetti più cari al Santo: Le palle (i pomi) e i bastoncini di zucchero (dal suo bastone pastorale).

Ma è nella leggenda, in una Ur-Hansel e Gretel, una proto-Hansel e Gretel, ecco,  che la magia di questo Santo si compie: una sera d’inverno San Nicola bussa alla porta di una locanda, chiedendo per cena un piatto di carne. L’oste rifiuta di portargliene; in dispensa conserva in salamoia i corpi di tre bambini che avevano chiesto rifugio e aveva barbaramente ucciso, con l’intenzione di mangiarli. San Nicola lo scopre e resuscita i tre bambini. Ho trovato un’edizione della leggenda/fiaba in francese, La légende de saint Nicolas di Robert Giraud e Julia Wauters, che effettivamente, fatta eccezione per le premesse (i genitori di questi tre bambini sono amorevoli e soffrono moltissimo la loro assenza) e l’intervento risolutore del Santo, si svolge esattamente come la celebre fiaba, con i bambini che si perdono nel bosco, trovano una casa accogliente cui chiedere rifugio, vengono attirati all’interno con l’inganno e muoiono a causa della malvagia essenza del loro ospite. San Nicola in questa occasione si mostra pienamente devoto alla salvezza e alla gioia dei bambini, questo assieme alla sua generosità ne fa un “Babbo Natale” perfetto.

Nel 1863, una quarantina d’anni dopo il poemetto di Clement Clarke Moore, Thomas Nast disegnò un Santa Klaus molto meno austero, più rotondo, meno severo e ieratico. Nel 1931 Haddon Sunblom lo vestì di rosso. La trasformazione in Babbo Natale così come ci è familiare è completa.

Ho avuto l’occasione di visitare a Bari, nel Castello Svevo, una mostra su San Nicola dedicata ai bambini e alle bambine (Munbam). Se aveste l’occasione, ve la consiglio.

20191103_112907
Munbam, Bari, CAstello Svevo